cioccolato_LaDonatella

Sulla rivista Nature Neuroscience è stata pubblicata una nuova ricerca che ci rivela che il consumo di cioccolato contribuisce a ritardare la perdita di memoria che si verifica con l’inevitabile incedere del tempo.
Gli antiossidanti contenuti nelle fave di cacao (flavonoli) sono infatti in grado di mantenere giovane la memoria di una persona negli anni.

Da una ricerca svolta su 37 persone di età variabile dai 50 ai 69 anni emerge che partire dai 65 anni circa, il 40% delle persone è affetto da più o meno sporadici episodi di perdita di memoria: il fenomeno inizia con l’età adulta e diventa sempre più pronunciato col passare degli anni.

Le persone che si sono offerte volontarie sono state divise in due gruppi: un gruppo doveva bere una bevanda contenente un alto livello di flavonoli, il secondo gruppo solo piccole dosi e sono state monitorate per tre mesi.
Lo studio ha permesso di osservare come il gruppo che aveva ingerito una quantità maggiore di flavonoli, realizzasse in modo più semplice e immediato collegamenti mentali rispetto agli altri.
È stato inoltre rilevato un miglioramento della capacità di memorizzare, da prima dell’assunzione della bevanda al termine dell’esperimento.

Il ricercatori hanno però specificato che la ricerca non ha lo scopo di indirizzare i consumatori verso un maggior consumo di cioccolato: i flavonoli sono infatti contenuti nelle fave di cacao e spesso durante il processo industriale di preparazione del cioccolato vanno persi. Il prodotto che ne contiene in maggiore quantità è il cioccolato che è composto dal più alto livello di cacao.

Come già altre ricerche hanno ampiamente dimostrato, il benessere fisico e la prevenzione contro molte malattie si può ottenere facendo attenzione a ciò che mangiamo.
Proprio per questo motivo La Donatella ha creato la nuova e innovativa linea di prodotti L, liberi da…: delicati dessert che soddisfano anche i palati più esigenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.