tradizione venezia

Quando si dice Carnevale, si dice “dolci”. E automaticamente non si può non pensare alle frittelle, o “fritole”, in dialetto veneto.

Non tutti, infatti, sanno che i dolcetti di Carnevale più preziosi, più gustosi e più interpretati lungo tutto lo stivale, abbiano un’ autorevole origine veneziana.

Proprio così: l’origine “autorevole” derivava da una curiosa evoluzione di coloro che ogni giorno, durante il Carnevale,  friggevano per la gioia degli abitanti della repubblica di Venezia: i fritoleri.

L’evoluzione autorevole, di cui stiamo parlando, è la costituzione di una sorta di “corporazione” ufficiale dei fritoleri, gli unici autorizzati durante il Carnevale a Venezia a dispensare golosità e bocconi di gaudio e gioia a chi partecipava alla festa.

Parliamo del quindicesimo secolo, il 1600: esistevano settanta fritoleri che si ripartivano diligentemente i territori della Serenissima, e la loro professione, proprio come i  notai, era trasmissibile solo ai figli! Una “dolce” tradizione che è diventata un lavoro nobile e strutturato. La corporazione dei fritoleri si disgregò alla caduta della repubblica, pur rimanendo professione attiva fino alla fine del 1800. Naturalmente la nobile tradizione di friggere, tipica del Carnevale, è però arrivata fino ai giorni nostri!

Aldilà della corporazione fritolera ufficiale, il Carnevale di Venezia, come ben sappiamo, ha origini ben più antiche. In alcuni documenti datati intorno all’anno mille, mille e cento,  i festeggiamenti pre-Quaresima erano già in voga. Furono indetti, la prima volta, per festeggiare il ritrovamento del corpo di San Marco dopo l’incendio del 1050.

Fu subito un rito a cui non rinunciare, anche in caso di guerra o di morte del doge. Infatti, nel 1789 venne a mancare il doge Paolo Renier, e la funesta notizia fu data alla popolazione solo a festeggiamenti conclusi.

La tradizione veneziana, e in generale quella autentica del territorio, è un tesoro da tramandare e tutelare.

Anche La Donatella si impegna a proiettare nel futuro l’identità gastronomica italiana: il suo Tiramisù è considerato “una fedele rappresentazione” dell’originale ricetta trevigiana. Leggi qui perché!

  • La Donatella vola a Valencia per l’ultima tappa del MotoGp
    La Donatella vola a Valencia per l’ultima tappa del MotoGp
  • Due veloci ricette per i biscotti di Halloween
    Due veloci ricette per i biscotti di Halloween
  • Viaggio attraverso i dolci tipici delle regioni italiane
    Viaggio attraverso i dolci tipici delle regioni italiane
  • Partito il countdown per il SIAL 2014 di Parigi
    Partito il countdown per il SIAL 2014 di Parigi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.