TORTA-SACHER

È il 9 luglio 1832 e in una pasticceria di Vienna nasce la Sachertorte; ne è artefice il sedicenne Franz Sacher, che, chiamato a sostituire lo chef al servizio della corte del principe Klemens Von Metternich, mette tutta la propria passione per il cioccolato in un dolce che stupisce i commensali per il suo gusto ricco e particolare.

La Torta Sacher è un trionfo di sapore, grazie ai suoi due strati di pasta di cioccolato intervallati da un velo di confettura di albicocche e ricoperti da una glassa di cioccolato fondente.

La ricetta originale è custodita gelosamente e protetta da un marchio di fabbrica: la produzione della Sacher Originale è oggi un business da 270.000 torte all’anno, tutte confezionate in maniera artigianale con ingredienti naturali di prima qualità e impacchettate manualmente.

La Torta Sacher viene conservata ad una temperatura compresa tra i 16°C ed i 18°C e generalmente servita con un ciuffo di panna montata non dolce, accompagnata da the o caffè.

All’assaggio è un’armonia di contrasti: il dolce-aspro della confettura di albicocche avvolto nell’abbraccio del cioccolato; la croccantezza della glassatura al fondente, che protegge e preserva la morbidezza dell’impasto.

Un gusto che ha stregato i golosi di tutto il mondo, tra i quali anche il nostro Nanni Moretti.

Come? Lei non ha mai sentito parlare della Sacher Torte? Bene, continuiamo così, facciamoci del male!

La celebre battuta tratta dal film Bianca è l’emblema della sua adorazione per questo dolce, in nome del quale Moretti ha battezzato persino una casa di distribuzione ed un premio cinematografico.

Per chi condividesse la sua inclinazione, ma non fosse abbastanza fortunato da assaggiare l’originale viennese, la Donatella propone la sua interpretazione della Torta Sacher – sia nella versione rotonda che in quella a trancio.

  • Sacher Torte versione mignon
    Sacher Torte versione mignon
  • Torta Sacher: la ricetta!
    Torta Sacher: la ricetta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.