panettone-la-donatella

Il panettone ha una curiosa storia, che si addentra nella Milano del IX secolo e ha come protagonista un umile sguattero che serviva alla corte di Ludovico il Moro. Ma qual è dunque l’origine del panettone, dolce tipico della tradizione natalizia?

La leggenda narra che proprio Ludovico in occasione del pranzo di Natale avesse invitato numerosi nobili e altri importanti figure del circondario e avesse in serbo per loro il miglior menu. Tutta la servitù era coinvolta nella preparazione di questo evento: il castello era addobbato alla perfezione e dopo numerose prove anche la tavola era preparata al meglio. Chi lavorava più di tutti era però il cuoco di corte che, vista la gran quantità di portate e di ospiti, da giorni si dava un gran da fare. Il dolce però andava cucinato sul momento, era il piatto che più di tutti gli ospiti di Ludovico avrebbero dovuto gradire, ma il cuoco forse per l’eccessiva stanchezza dimenticò il dolce in forno che quasi si carbonizzò. Preso dalla disperazione iniziò a inveire, temendo la morte per mano di Ludovico vista la brutta figuraccia di fronte ai commensali. Fu in quel momento che Toni, piccolo sguattero, propose una soluzione: un dolce con quanto rimasto in dispensa. Farina, burro, uova e qualche uvetta, una ricetta che era solito preparare in famiglia ai suoi figli quando non aveva nulla di meglio da offrire. Con grande esitazione il cuoco e lo sguattero prepararono il composto che prima di infornare benedirono segnando una croce col coltello sulla superficie.

Lo stupore del cuoco, e ancor più di Ludovico e dei commensali al momento della presentazione del dolce: un vero e proprio successo! Tutti gli ospiti furono entusiasti e acclamarono quella prelibatezza come il miglior pane dolce mai mangiato. Subito chiesero il segreto di tanta bontà tanto che Ludovico fu costretto a chiedere al cuoco che ammise subito: “L’è el pan del Toni”, “È il pane di Toni”. Da quel giorno il panettone fu riproposto più e più volte, e riscuotendo un enorme successo, diffondendosi fin da subito in Italia e in tutta Europa come il dolce tipico del Natale.

Oggi il panettone viene proposto in numerose varianti: senza canditi, con gocce di cioccolato, con a crema all’interno o spessa glassa zuccherata all’esterno ma per preparare il panettone bastano pochi e semplici ingredienti sebbene i passaggi siano numerosi.

Ciò di cui avrai bisogno sono: acqua, farina, sale, uova, latte, burro, zucchero, uvetta, vaniglia, lievito naturale e lievito di birra. La pasta che uscirà dovrà essere soffice e dorata, la forma cilindrica con una cupola al di sopra. La crosta screpolata, dovuta alla lenta cottura in forno, e il colore sarà un dorato scuro quasi marrone. Dal 2005 il panettone è tutelato da una disciplinare che ne sancisce l’autenticità se vengono rispettate le percentuali degli ingredienti per poter essere definito tale.

Che sia con gocce di cioccolato, con la crema o più tradizionalmente con canditi e uvetta, il panettone è un dolce immancabile sulle tavole italiane durante le festività di Natale, che unisce grandi e piccini in un momento di dolcezza condivisa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.