hunger-413685_1280

Si rivolge a coloro che sono ossessionati da dieta e peso il “No Diet Day” celebrato oggi, 6 Maggio.
Da un’idea nata nel 1992 grazie a Mary Evans Young, fondatrice di Diet Breakers, ex anoressica, si è diffusa una ricorrenza giunta ormai alla 23° edizione.
La giornata nacque dall’esigenza della Young di creare qualcosa di unico che donasse sollievo a chi è sempre in guerra con la propria taglia e cerca di placare la fame. In uno dei sui libri la fondatrice di del No Diet Day racconta di aver avuto l’illuminante idea dopo aver visto un programma televisivo nel quale alcune donne si sottoponevano ad interventi chirurgici per ridurre il grasso corporeo, e dopo aver appreso che una quindicenne si era suicidata a causa delle sue rotonde forme.

La prima edizione del No Diet Day fu inaugurata da una pioggia estenuante, che portò la Young a spostare il pic-nic che aveva previsto a casa sua. Da quel giorno l’idea raggiunse anche l’ Australia e il Canada, assumendo oggi una connotazione molto seria. Il No Diet Day viene infatti considerato un’opportunità per incoraggiare le persone ad avere stili di vita salutari, escludendo l’ossessione per il peso.
A questo proposito il National Center for Eating Disorders sostiene una campagna, ricordando che il 30% delle bambine tra i 10-4 anni si è sottoposto a diete nonostante il peso fosse normale.

La Donatella invece esibisce le sue dolci tentazioni durante l’ultima giornata di TuttoFood 2015. Mettendo in mostra il proprio universo di dolcezze, preparate con ingredienti semplici e seguendo l’antica ricetta della pasticceria tradizionale italiana.

Dolci tentazioni alle quali è davvero difficile resistere, ogni giorno, non solo oggi che si celebra il No Diet Day!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.